Luogo: ​​​Bergamo (BG)
Anno: ​​​2013-2014
Cliente: ​​Mark Com srl
Attività eseguite: ​progetto preliminare, definitivo ed esecutivo, direzione lavori, sicurezza

Il monumento, realizzato e donato alla città da Giacomo Manzù nel 1977, è collocato nel centro di Bergamo Bassa ed evoca il tema della “morte per violenza”.
L’opera, in bronzo statuario con riflessi dorati, si compone di un grande parallelepipedo, posto in verticale: sul lato principale sono rappresentati un giovane ucciso ed appeso a testa in giù con accanto una donna, moglie o madre sopravvissuta, che protende un braccio nell’atto di assistere il ragazzo; sul verso invece è incisa una dedica dello scultore.
Per preservare la tonalità calda della fusione, il monumento necessitò di restauri già nel 1993 e nel 2006. Quest’ultimo intervento conservativo, eseguito nell’ambito del progetto “Rivalutare Bergamo”, è servito ad arrestare alcune nuove patologie del bronzo. Inoltre, sono state ricostruite alcune piccole parti e sono stati rimossi i depositi di particellato atmosferico. Dopo la pulitura, infine, è stato applicato lo stesso protettivo ceroso impiegato nei precedenti restauri.
La collocazione dell’opera in centro città, in un’area caratterizzata da traffico intenso, imporrà anche in futuro periodici interventi di manutenzione che consentano di proteggere la scultura dagli agenti atmosferici e dall’inquinamento urbano.

AI progetti architettura.ingegneria s.c

Architecno s.r.l