Luogo: ​​​Bergamo (BG)
Anno: ​​​2012-2015
Cliente: ​​Fondazione Bergamo nella storia – Comune di Bergamo
Attività eseguite: ​progetto preliminare, definitivo ed esecutivo, direzione lavori, sicurezza

La Torre dei Caduti è uno dei monumenti più rappresentativi di Bergamo Bassa. Alta oltre 45 metri, fu costruita nel 1922-24 su disegno dell’architetto Marcello Piacentini, autore del progetto di risistemazione del centro cittadino, da allora chiamato “piacentiniano”, luogo-simbolo della storia e dell’identità orobica.
Prendendo spunto dal centenario dell’ingresso dell’Italia nella Prima guerra mondiale, il Comune di Bergamo ha deciso di recuperare gli interni della torre per adibirli a museo della Grande Guerra. Il percorso museale – incrociando immagini, suoni e memorie – si sviluppa lungo tutti i sei piani della torre aggiungendo alla destinazione di memoriale anche una fruizione culturale. Aprire alla comunità un monumento fino ad oggi inaccessibile, ma che è parte del patrimonio storico della città, significa infatti riaffermare l’identità dell’edificio nello spazio fisico e mentale della collettività.
Il progetto di valorizzazione consiste nel restauro e risanamento conservativo delle superfici interne, mentre l’intervento sulle superfici esterne viene demandato ad una seconda fase, già autorizzata dalla Soprintendenza.
Gli interventi di conservazione sono stati eseguiti rigorosamente secondo criteri di totale reversibilità, con particolare attenzione ai problemi di impiantistica. È stato realizzato un nuovo impianto di illuminazione interna con elementi a Led, alcuni dei quali restano accesi la notte, a sottolineare come la torre sia tornata ad essere cuore vivo della città. Inoltre, tramite una serie di accorgimenti, è stato possibile garantire la stabilità termica degli ambienti interni.

AI progetti architettura.ingegneria s.c

Architecno s.r.l